Promuovere un’attività commerciale tramite Google Maps

Google Maps è diventato un vero motore di ricerca a sé stante, ma in pochi lo sfruttano per promuovere la propria attività commerciale. È un grave errore, perché è utile, gratuito e molto potente.

 

P

romuovere un’attività commerciale è tutt’altro che semplice, il così detto “local business”, sebbene abbia un’area di pertinenza più ristretta rispetto alla promozione di un sito web che opera su territorio nazionale o peggio ancora internazionale, ha delle sue complessità specifiche. Però ha anche molti strumenti utili e gratuiti che spesso, ahimé, vengono trascurati.

Uno di questi, forse il più importante, è Google Maps. Quando si cita Google Maps si deve per forza di cose parlare anche di Google My Business. Dove sta la correlazione? Facciamo chiarezza su questo punto fondamentale.

GOOGLE MAPS… FOR LOCAL BUSINESS

Google Maps è il servizio di Google che, almeno in origine, doveva permettere soltanto la navigazione su una mappa di tutto il mondo. Ovviamente si è evoluto molto, diventato anche un navigatore satellitare da usare con lo smartphone. Anzi, più che un navigatore, potremmo chiamarlo il navigatore, perché essendo preinstallato su tutti gli smartphone Android, è diventato lo standard di navigazione sulla gran parte degli smartphone.

 

google-my-business-google-maps-1

 

La cosa veramente importante è che a un certo punto Google ha cominciato a fornire informazioni sempre più dettagliate sulle attività locali, permettendo di cercare un ristorante nella zona in cui si trova l’utente, per esempio, o mostrando sulla mappa nome e tipologia delle attività.

È evidente che le attività che vengono listate su Google Maps ricevono un beneficio, di fatto è una pubblicità gratuita e vista l’ampia diffusione di Google Maps, può essere una pubblicità veramente significativa. Non bastasse questo, spesso Google Maps è utilizzato come un vero e proprio motore di ricerca. In molti infatti hanno spostato la ricerca di una qualsiasi attività o azienda da Google a Google Maps.

Ma come si fa ad essere listati all’interno di Google Maps? E soprattutto come faccio a modificare i dati o ad aggiungerne degli altri? Per questo esiste Google My Business.

 

GOOGLE MY BUSINESS, TUTTO QUELLO CHE SERVE È QUI

Una volta era un servizio collegato a Google+, il social network di Google. Poi, fortunatamente, è stato separato diventando un servizio a sé stante, molto più ricco di strumenti utili per le attività locali. In Google My Business si può creare un’attività, dichiararne le sedi fisiche che andranno verificate tramite un codice inviato via cartolina cartacea o tramite una telefonata, caricare foto degli interni, degli esterni e eventualmente anche dello staff (più materiale c’è, meglio è), si possono indicare gli orari dell’attività, recapiti e si possono raccogliere le famose recensioni.

Le recensioni sono un aspetto fondamentale perché, oltre al valore intrinseco, contribuiscono al ranking dell’attività. Più recensioni a 5 stelle si avranno, più l’attività verrà premiata nella posizione dei risultati. Ecco perché è fondamentale cercare di ottenerne il più possibile, stimolando e sollecitando i propri clienti dopo l’acquisto, tramite mail o anche tramite cartoline da lasciare insieme allo scontrino.

 

google-my-business-google-maps-2

Come funziona? Ancora una volta tramite Google Maps (per questo i due servizi sono strettamente legati). Chi ha abilitato le notifiche di Google Maps sullo smartphone, riceverà spesso una notifica che lo inviterà a lasciare una recensione sull’attività appena visitata oppure delle foto.

 

I VANTAGGI DI GOOGLE MY BUSINESS NELLA RICERCA SU GOOGLE

I vantaggi offerti da Google My Business però non si limitano solo a Google Maps, ma incidono anche sui risultati delle ricerche su Google. Come? Avrete sicuramente fatto caso a quella scheda ricca di dettagli che compare sul lato destro della ricerca quando cercate il nome di un’attività, di un’azienda o di un professionista. Bene, anche quella scheda è compilata con i dati presi ANCHE da Google My Business e comprende le famose recensioni. In più, sempre da questa scheda, è possibile scrivere una recensione, il ché la rende il posto più semplice dove far inserire una recensione ai proprio clienti: “Cercami su Google e inserisci una recensione nel box sulla destra”. Facile no?

 

google.-my-business-google-maps-4

È GOOGLE, POTEVA MANCARE LA PUBBLICITÁ?

Per concludere, trattandosi pur sempre di Google, non poteva mancare la pubblicità. Se cercate un’attività su Google Maps, riceverete una serie di suggerimenti in una lista di risultati. Il primo potrebbe però essere un annuncio sponsorizzato tramite AdWords, quindi sappiate che se volete spingere un’attività commerciale locale, usare AdWords in questo senso potrebbe essere davvero efficace. Come si fa? Ancora una volta tramite Google My Business. Basterà infatti abilitare le estensioni di località nella campagna, per far sì che AdWords vada a leggere le località caricate nell’account di Google My Business collegato all’account. Il tutto è, come da tradizione Google, più semplice a dirsi che a farsi.

 

google-my-business-google-maps-3

RECAP

Quindi, riassumendo, per tutti coloro i quali hanno un’attività commerciale, è imprescindibile compilare correttamente tutti i dati nelle schede di Google My Business (magari anche con delle belle foto a 360 gradi degli interni) e chiedere ai clienti quante più recensioni positive possibili. In più, con una buona strategia di advertising, sarà impossibile non raggiungere ottimi risultati. Viva Google Maps!

 

ASCOLTA IL PODCAST